Prenota il tuo Hotel a Genova e provincia
alle migliori tariffe
HotelsGenova.it
Prenotazione diretta con gli hotel dell'Associazione Albergatori di Genova:
nessun intermediario, nessuna commissione.
warning: Creating default object from empty value in /var/www/vhosts/hotelsgenova.it/httpdocs/sites/all/modules/i18n/i18ntaxonomy/i18ntaxonomy.pages.inc on line 34.

Il mugugno, un segno d’identità ligure

Il mugugno, un segno d’identità ligure

Mugugno. (s.m., voce genovese di origine onomatopeica)

 

Voce, espressione sommessa di scontento, lamento, lagnanza, brontolio. Nel vocabolario marinaresco, brontolio di critica a un ordine dato, pur eseguendolo. I marinai di Camogli, reputati i migliori del mondo, per antico privilegio, avevano, rispetto agli altri, paga migliore e diritto al mugugno. (“Grolier”)

Un viaggio nel viaggio: il Castello D’Albertis di Genova

Un viaggio nel viaggio: il Castello D’Albertis di Genova

Trofei coloniali e Wunderkammern, panoplie d’armi e un salotto turco, le collezioni del capitano segnano la nascita dell’esotismo, dell’antropologia e delle scienze etnologiche: un viaggio alla scoperta del mondo, ma anche e soprattutto di se stessi.

Oh giovani italiani, che avete salute, tempo e denaro, viaggiate, viaggiate senza aspettare l’età della prudenza forzata, degli acciacchi e del rimpianto. Abbandonate il vostro paese durante le umide, le fredde e uggiose giornate di novembre e dicembre, rincorrete il sole che vi fugge, riafferratelo, chè a tanto equivale un viaggio alle terre da mezzogiorno.” (Enrico Alberto d’Albertis)

Il cuore di Genova: le botteghe storiche

Il cuore di Genova: le botteghe storiche

Immaginatevi Palazzo San Giorgio circondato dall’acqua che arrivava fino alla Ripa, zona adibita a scambi commerciali. Correvano gli anni della Repubblica, e Genova era La Superba.

Immaginatevi Palazzo San Giorgio circondato dall’acqua che arrivava fino alla Ripa, zona adibita a scambi commerciali. Correvano gli anni della Repubblica, e Genova era La Superba.
Le rocce dell’ingresso della metropolitana ne raccontano ancora la gloria, insieme agli affreschi di quella che fu la sede della prima banca del mondo e ai portici medievali di SottoRipa, costruiti per innalzare i caseggiati proprio sotto il livello del mare.

Genova: nei caruggi l’Amore è Perfetto

Genova: nei caruggi l’Amore è Perfetto

Nel cuore dei caruggi, nel quartiere della Maddalena, trova posto una delle piazze più suggestive della Superba: nella sua toponomastica Genova cela misteri e segreti della Repubblica, come la dolcissima e struggente storia di Tommasina Spinola e Luigi XII.

“Che l’amore è tutto, è tutto ciò che sappiamo dell’amore ” (Emily Dickinson)
Nel cuore dei caruggi, nel quartiere della Maddalena, trova posto una delle piazze più suggestive della Superba: nella sua toponomastica Genova cela misteri e segreti della Repubblica, come la dolcissima e struggente storia di Tommasina Spinola e Luigi XII.

La storia di Genova: il Sistema dei Palazzi dei Rolli

La storia di Genova: il Sistema dei Palazzi dei Rolli

Iscritto nella Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO a partire dal 16 luglio 2006, il Sistema dei Palazzi dei Rolli è l’emblema della singolare identità sociale ed economica di Genova, che con la sua ristrutturazione cinquecentesca inaugurò la stagione dell’architettura urbana moderna europea.

83 i palazzi edificati a partire dalla fine del XVI lungo le Strade Nuove (oggi via Garibaldi, Cairoli e Balbi), con l’obiettivo di creare un quartiere dedicato alla nobiltà locale e completare la grande ristrutturazione intrapresa dall’Ammiraglio Andrea Doria: l’urbanistica e le vicende pubbliche e private delle famiglie aristocratiche raccontano la storia di Genova e del suo Secolo d’Oro.

La particolarità dei Palazzi, alti tre o quattro piani e caratterizzati da scaloni aperti, cortili e loggiati che dominano i giardini costruiti su differenti livelli, venne ben descritta da Gustave Flaubert a metà Ottocento:  ”Mi trovo ora in una bella città, una vera bella città: Genova. Si cammina sul marmo, tutto è marmo: scale, balconi, palazzi.

Passione, al Museo Diocesano è in blue-jeans

Passione, al Museo Diocesano è in blue-jeans

Dalla seta al velluto, dal damasco al fustagno, già a partire dal Medioevo la produzione tessile genovese è riconosciuta in tutto il mondo con un nome derivato da quello della città: Jean o Jeane.

Documentato a Genova fin dal 1140, l’indaco era un colore apprezzato fin dall’antichità anche per le sue qualità terapeutiche, assumendo un ruolo addirittura prestigioso a partire dal XII secolo, dopo essere divenuto il colore prediletto dei re di Francia e dell’aristocrazia.

Le 10 cose più belle da fare a Genova

Le 10 cose più belle da fare a Genova

Periodo: 

tutto l'anno

Sapevate che il centro storico di Genova è il più grande d'Europa? Alcune delle sue strade sono state dichiarate patrimonio UNESCO nel 2006, così come i Palazzi dei Rolli, le liste dei palazzi e delle dimore eccellenti delle nobili famiglie che ai tempi dell'antica Repubblica ambivano a ospitare le alte personalità in transito per visite di stato.

"Genova verticale, vertigini, aria e scale"
(Giorgio Caproni)

1. Il centro storico con i suoi Caruggi