Prenota il tuo Hotel a Genova e provincia
alle migliori tariffe
HotelsGenova.it
Prenotazione diretta con gli hotel dell'Associazione Albergatori di Genova:
nessun intermediario, nessuna commissione.

La vera focaccia al formaggio: ecco tutti i segreti!

Categoria: 
enogastronomia

Specialità di Recco, cittadina della Riviera di Levante, fino alla fine dell’Ottocento veniva proposta nelle osterie unicamente nel periodo di celebrazione dei morti.
La sua invenzione si deve ai tempi bui e duri del Medioevo, quando i recchesi erano costretti ad abbandonare precipitosamente le loro case e a rifugiarsi nell’immediato entroterra per sfuggire alle incursioni saracene. Lassù tra i monti c’era, per fortuna, abbondanza di frumento, legna da ardere in quantità e numerose greggi: disponendo di olio, formaggetta e farina si poteva così preparare un pasto per la sopravvivenza, la fugassa co-o formaggio.
La sua esistenza è testimoniata sin dai tempi della terza crociata: “Era la Pentecoste di rose dell’anno 1189… la cappella dell’Abbazia di San Fruttuoso accoglieva i crociati liguri per un solenne Te Deum prima della partenza della flotta per la Terra Santa e sulle bianche tovaglie di lino ricamate facevano bella vista i piatti di peltro e di rame, zuppiere di ceramica e di coccio colme di ogni bendidio: pagnotte di farro ed orzo impastate con miele, fichi secchi e zibibbo, carpione di pesce, agliata, olive e una focaccia di semola e di giuncata appena rappresa…”.
Numerose le lettere che raccontano della presenza di Guglielmo Marconi e l’Infanta di Spagna nei primi anni del Novecento a Recco, giunti appositamente per degustare la sua famosa focaccia.
Oggi, il Consorzio della Focaccia di Recco col formaggio organizza manifestazioni, eventi e scuole di cucina ma soprattutto ha come obiettivo principale l'ottenimento e il mantenimento del titolo di Indicazione Geografica Protetta (IGP).