Prenota il tuo Hotel a Genova e provincia
alle migliori tariffe
HotelsGenova.it
Prenotazione diretta con gli hotel dell'Associazione Albergatori di Genova:
nessun intermediario, nessuna commissione.

Pasqua con gusto: le ventiquattro bellezze della Torta Pasqualina

Categoria: 
enogastronomia

Sta per arrivare Pasqua e sulle tavole dei liguri non mancherà sicuramente questa torta dalle origini antiche: il nome deriva infatti dall’usanza di prepararla e mangiarla soprattutto in occasione del giorno di Pasqua.

In un articolo tanto memorabile quanto significativo e apparso sulla prima pagina del Lavoro nel 1930, Giovanni Ansaldo ne tesse le lodi descrivendone le ventiquattro bellezze.
Bietole, uova e prescinseua (formaggio tipo cagliata di latte) tra le più importanti, considerate alimenti pregiati nei secoli scorsi e di conseguenza utilizzati solamente in occasioni speciali come le feste religiose.
Tipica soprattutto del Genovesato, la tradizione vuole che i fogli di pasta che compongono la Torta Pasqualina siano esattamente 33, in ricordo degli anni di Gesù, anche se oggi ci si accontenta di una decina di strati.
L’esistenza della torta pasqualina genovese è documentata a partire dal XVI secolo, quando il letterato Ortensio Lando la cita nel Catalogo delli inventori delle cose che si mangiano et si bevano. Allora era nota come gattafura, perché “le gatte volentieri le furano et vaghe ne sono”, ma anche lo stesso scrittore ne era ghiotto tanto da scrivere: “A me piacquero più che all’orso il miele”.

La ricetta della torta pasqualina
Ingredienti per 6-8 persone

PER LA PASTA
1 kg di farina bianca
4 cucchiai di olio
sale acqua qB
PER IL RIPIENO
1kg di Bietole
1/2 cipolla dorata
600 grammi di prescinseua o ricotta
6 uova
100 grammi di parmigiano grattuggiato
sale, pepe, maggiorana

Impastare la farina con l’olio, il sale e acqua quanto basta per formare una pasta dalla giusta consistenza. Lavorarla e creare 10 palline, mettendole a riposare con un panno per una ventina di minuti. Intanto lessare le bietole e insaporirle con il soffritto di olio e cipolla. Preparare il ripieno amalgamando formaggio e sale. Stendere 5 sfoglie, unire il composto di bietole e formaggio e fare 6 fossette, rompendo all’interno un uovo per ognuna. Ricoprite la torta con gli altri 5 strati avanzati e mettete in forno per circa 60 minuti a 180 gradi.