Prenota il tuo Hotel a Genova e provincia
alle migliori tariffe
HotelsGenova.it
Prenotazione diretta con gli hotel dell'Associazione Albergatori di Genova:
nessun intermediario, nessuna commissione.

Musei di Strada Nuova

La grandezza della Repubblica genovese: Palazzo Bianco, Palazzo Rosso, Palazzo Tursi.

Seleziona un hotel a Genova comodo al centro storico

clicca qui

Strada Nuova, chiamata in seguito via Garibaldi, è una strada simbolo della ricchezza genovese tra il Cinquecento e il Seicento, secoli d’oro per la Repubblica di Genova che in quegli anni fu una vera potenza finanziaria. La strada venne aperta a metà del 1500 unendo le case di due nobili casate, i Grimaldi e gli Spinola. Architetto fu Galeazzo Alessi.

Inseriti nella lista dei Rolli, i Musei di strada nuova comprendono: Palazzo Bianco, Palazzo Rosso e Palazzo Tursi. Ai tempi della Repubblica i Palazzi dei Rolli appartenevano a nobili famiglie ed avevano l’onore di far parte delle liste dei palazzi che potevano ospitare personalità di passaggio per visite di stato.

Palazzo Bianco, detto anche Palazzo Grimaldi, ospita un’importante raccolta di capolavori genovesi, italiani ed europei, risalenti ai secoli dal Sedicesimo al Diciottesimo. Oltre ai Genovesi (Cambiaso, Strozzi, Piola, Magnasco) e agli italiani (Caravaggio, Veronese), spiccano importanti autori fiamminghi, francesi e spagnoli. Il palazzo fu dimora di Luca Grimaldi (XVI secolo), membro di un’importanissima famiglia genovese, ma il suo aspetto così come lo conosciamo, caratterizzato dal colore chiaro da cui il nome, si deve ad una successiva proprietaria, Maria Durazzo Brignole-Sale (XVIII secolo). Come Galleria pubblica, Palazzo Bianco venne aperto nel 1892, ma l’allestimento risale agli anni Cinquanta ad opera di Franco Albini, architetto e designer italiano di stampo razionalista. Palazzo Rosso, risalente al 1677, fu costruito per la famiglia Brignole-Sale e prende il nome dal colore dell’intonaco.

Palazzo Rosso è innanzitutto una nobile dimora dove ancora oggi sono visibili affreschi dei maggiori artisti del Seicento e arredi originali dell’epoca. Come Pinacoteca ospita dipinti di scuola genovese, ma anche di altri artisti italiani e stranieri collezionati dalla nobile famiglia Brignole Sale. Anche Palazzo Rosso è stato allestito dall’architetto Franco Albini negli anni Sessanta, durante un’importante opera di restauro necessaria dopo i tanti danni subiti durante la seconda guerra mondiale. Palazzo Tursi, costruito per Nicolò Grimaldi, primo banchiere del re Filippo II di Spagna, è il più grande trai palazzi di Strada Nuova.

Palazzo Tursi, il cui secondo proprietario fu Giovanni Andrea Doria, ospita oggi il Municipio e custodisce al suo interno alcuni preziosi cimeli storici trai quali il violino di Paganini e le ceneri di Cristoforo Colombo. Oltre ad essere la sede di rappresentanza del Sindaco, Palazzo Tursi ospita una parte della collezione già di Palazzo Bianco e spesso è sede di incontri a carattere culturale organizzati dal Comune e dall’Università di Genova in collaborazione con le istituzioni.

 

Photo credit: Musei di Genova