Prenota il tuo Hotel a Genova e provincia
alle migliori tariffe
HotelsGenova.it
Prenotazione diretta con gli hotel dell'Associazione Albergatori di Genova:
nessun intermediario, nessuna commissione.

Museo del Risorgimento

In via Lomellini, visitate la casa natale di Giuseppe Mazzini e il Museo del Risorgimento.

Seleziona un hotel a Genova zona centro storico

clicca qui

Il Museo del Risorgimento dal 1934 ha sede in Via Lomellini , nello stabile di quella che fu la casa natale di Giuseppe Mazzini, insieme all’archivio e alla biblioteca specializzata. Fondato nel 1915, ha infatti avuto come prima sede Palazzo Bianco. Il percorso del Museo del Risorgimento si snoda lungo 14 sale sviluppate su tre piani. Sono esposte centinaia di opere e oggetti (cimeli, dipinti, stampe, manifesti , manoscritti, armi, uniformi e altro) che documentano la storia politica, sociale e culturale del Risorgimento italiano, raccontato dal particolare e in qualche modo privilegiato punto di vista di Genova. Genova fu infatti centro del movimento democratico e mazziniano e in quest’ottica il museo genovese assume interesse a livello nazionale ed internazionale, grazie alll’unicità della documentazione relativa ai personaggi carismatici del movimento democratico e repubblicano e alla storia del movimento operaio. Nel museo non sono tanto rappresentate le glorie dei “padri della Patria”, che da vincitori hanno portato a termine il disegno di liberare l’Italia dallo straniero per renderla unita con Roma capitale, ma le lotte di coloro i cui ideali di unità e repubblica furono sacrificati dalla politica egemonica piemontese. La personalità Mazzini ma anche gli altri artefici dei moti della Giovine Italia, Pisacane, Garibaldi, Mentana e Aspromonte. Oltre ai personaggi emergono così gli episodi – come la rivolta di Genova del 1849 - che spesso la storiografia ufficiale ha lasciato nell’anonimato. La parte iconografica dell’allestimento si sviluppa lungo le pareti. Al centro delle sale numerosi pannelli documentari, con ampie didascalie, cartine e altri sussidi didattici, mettono il visitatore in grado di seguire passo passo le vicende storiche illustrate, approfondendo anche attraverso la lettura dei di documenti storici e supporti multimediali. L’ordine cronologico del percorso, lascia così ampio spazio all’approfondimento di alcune tematiche e personalità permettendo una visita personalizzata sul tipo di visitatore. Per i bambini delle scuole, i laboratori di “Giochiamo con la storia” introducono anche i più piccoli alle tematiche legate al periodo del Risorgimento, attraverso educativi e divertenti giochi da tavolo.

 

Photo credit: fotogenova